Ecommerce covid-19 Indigo Spot - Udine
Condividi con chi vuoi
Tempo di lettura: 3 minuti

Il covid-19 ha messo in ginocchio l’economia del Paese. E anche se la crisi sanitaria non è ancora passata, le aziende si stanno organizzando per recuperare il tempo perduto.

Ma dovranno vedersela con un mercato che è molto cambiato e continuerà a farlo nel prossimo futuro. Il coronavirus, le misure di lockdown e il maggior tempo speso tra tecnologia e famiglia hanno modificato i comportamenti e le abitudini di spesa delle persone.

C’è chi in questo periodo ha riscoperto l’attività fisica sfruttando una stanza della casa, chi ha ripreso in mano i libri di cucina, chi ha divorato serie TV, e ancora chi ha approfittato per fare formazione.

Ecommerce alle stelle

Impennata del'ecommerce in un solo mese

In un solo mese, dall’inizio della crisi sanitaria, si è registrato un salto evolutivo verso il digitale di 10 anni. Abbiamo infatti acquisito 1,3 milioni di utenti in un solo mese, rispetto ai 700 mila dei primi mesi dell’anno.

I settori che hanno visto un’impennata sono:

  • prodotti per animali (+154%)
  • cibi freschi e confezionati (+130%)
  • prodotti per la cura della casa (+126%) e della persona (+93%)
Impatto del Coronavirus nelle vendite online, in Italia, tra febbraio e marzo 2020. Fonte: Statista

David Parma di IPSOS conferma: “Tra i paesi analizzati, la Penisola è quello che ha registrato l’incremento maggiore – subito dopo la Cina – degli acquisti fatti online.
Una tendenza che resterà, anche perché a comprare su internet in questo periodo non sono stati solo i giovani, come solitamente accade, ma anche gli over 60 che, magari per la prima volta o con l’aiuto di altri, hanno sperimentato questa nuova modalità per fare la spesa. Una rivelazione, su cui le aziende dovrebbero focalizzarsi”

Ecommerce: qualche numero e lo stato dell’arte

Il tasso di conversione, che è il numero di acquisti in relazione al totale delle visite al sito web, varia da paese a paese. In Germania è del 2,22%; negli Stati Uniti è dell’1,96%; in Regno Unito è dell’1,88% mentre in Italia è dello 0,99%.

Il settore ecommerce Moda mono-brand è in crescita (dati pre-coronavirus). Tra i siti ecommerce più popolari in Italia il leader è il brand francese Bonprix con 1,6 milioni di visite mensili. La top 10 si chiude con tre brand italiani: OVS, Calzedonia e Tezenis, ciascuno con un traffico mensile che supera il mezzo milione di visite.

Per quanto riguarda le consegne, il 37% degli italiani è disposto a pagare per avere una consegna più rapida e il 59% considera importante poter cambiare la data o l’ora di consegna.

E per chiudere, il comportamento del 41% degli italiani viene influenzato in qualche modo dai social media (lettura di recensioni, commenti e feedback).

Considerazioni finali

Anche se non lo sappiamo con certezza, possiamo aspettarci che le nuove abitudini degli italiani si consolidino nel tempo, e per noi aziende è importante valutare seriamente nuove strategie.

L’ecommerce, che fino ad adesso è stato il tallone d’Achille dell’Italia, in queste settimane ha avuto una crescita importante anche in fasce “insospettabili” della popolazione.

Noi della Indigo Spot siamo in grado di supportarti nello sviluppo del tuo ecommerce, collegandolo al servizio in abbonamento Colibrì. In questo modo avrai il tuo shop online su misura con un piccolo canone mensile di abbonamento!


Fonti: Business Insider, iPress, Ipsos, Semrush