Le novità di Facebook F8

Il primo giorno di Facebook F8, la conferenza annuale di Facebook dedicata agli sviluppatori, si è aperto con una serie di novità non solo per gli utenti, ma anche e soprattutto per i marketer. Alcune molto interessanti, altre potenzialmente limitanti per chi con le campagne Facebook ci lavora tutti i giorni.

Dallo speech di Zuckerberg sembra chiaro che il gigante blu non abbia la benché minima voglia di fermarsi e “smettere di costruire” e che farà tutto il possibile non solo per dare agli utenti sempre nuovi strumenti per creare e far crescere le relazioni (“meaningful relationships” è la parola chiave dell’intervento), ma anche per proteggerne la privacy.

1. “Clear History”, lo strumento per cancellare la cronologia

La prima novità annunciata nel Facebook F8 riguarda proprio la questione privacy, tema “caldo” a causa dello scandalo Cambridge Analitica e della futura entrata in vigore del GDPR, nuovo regolamento europeo sulla Privacy

Clear History sarà un vero e proprio strumento che gli utenti iscritti al portale del social network potranno utilizzare per visionare tutte le informazioni relative alle proprie cronologie dei siti web visitati ma anche e soprattutto tutti gli elementi cliccati e le applicazioni con le quali hanno interagito utilizzando il proprio profilo.

Uno strumento sicuramente buono per gli utenti, decisamente meno per chi come noi fa Facebook advertising.

2. La funzionalità per gli appuntamenti

A quanto pare è in arrivo la funzionalità pensata per chi cerca l’amore. Sarà infatti possibile creare un profilo visibile solo ai non-amici che, come noi, “sono in cerca dell’amore” e verranno suggeriti dei match, chiaramente basati su amici e altre cose in comune, insomma, sulle informazioni che il social sa di noi .

Ancora non si sanno i risvolti pubblicitari di questa nuova funzionalità, ma è sicuramente un passo in avanti nel trattenere gli utenti all’interno della piattaforma e offrire loro strumenti davvero utili per creare “relazioni di valore”.

3. Arrivano le traduzioni su Facebook Messenger

Sempre con la chiara mission “bring the world closer together”, viene introdotta in Messenger una funzionalità che permette la traduzione immediata dei messaggi (per ora solo dall’Inglese allo Spagnolo in US) da una lingua all’altra.

Non sappiamo ancora il grado di accuratezza delle traduzioni, ma questa implementazione potrebbe essere molto interessante soprattutto nel favorire la comunicazione per i brand che lavorano con mercati stranieri, nonché tra persona e persona ovviamente.

4. Instagram: tra Video Chat, integrazioni di terze parti ed Explore Tab migliorata

Arrivano le video chat anche su Instagram e l’Explore Tab, uno degli spazi più visitati del social network, verrà ottimizzata e organizzata in topic e hashtag correlati. Non solo, sarà possibile condividere contenuti di app di terze parti nelle Stories (tra i primi partner Go Pro e Spotify).

5. Realtà Virtuale, 3D Photo e Oculus Rift: in arrivo esperienze sempre più immersive

Nel Facebook F8 è stato comunicato che a breve sarà possibile non solo postare foto 3D direttamente nella nostra bacheca (ancora non è stato esplicitato quando e, soprattutto, come), ma anche trasformare vecchie foto (es. la casa della nostra infanzia) in veri e propri ambienti in cui rivivere i nostri ricordi, grazie alla potenza del machine learning.

Non è ancora molto chiaro come funzioni il processo, tuttavia è palese che l’investimento in Realtà Virtuale continua; inoltre, è stato annunciato proprio da Zuckerberg durante il suo intervento la messa in vendita a 199$ di Oculus Go, il visore portatile di Realtà Aumentata targato Facebook.

L’AR sbarca anche su Messenger, dove potrà essere integrata da aziende piccole e grandi con la Camera Effects Platform; una volta che le persone avranno contattato il brand via Messenger sarà possibile chiedere loro di aprire la camera che verrà pre-popolata con filtri ed effetti AR brandizzati, con i quali fare foto e video da condividere con gli amici. Questa feature è stata pensata per il segmento dello shopping online, in cui mostrare il prodotto agli amici e famigliari e vederlo “in modo realistico” prima di acquistarlo è davvero importante.

Inoltre, il tool Facebook Analytics sbarca anche in versione app.

Cosa ci aspetta?

Il piano decennale di Facebook che vede al centro Realtà Aumentata, Intelligenza Artificiale e Connettività va avanti, come preannunciato un anno fa; la piattaforma continua a crescere e a includere sempre più servizi che aiutino le persone a relazionarsi (ora anche a trovare l’anima gemella), raccontarsi e informarsi in modo sempre più immersivo e coinvolgente. No, il gigante pare proprio non aver intenzione di fermarsi.

 

Fonte: Veronica Gentili

L’importanza di Facebook per le piccole aziende

La presenza su Facebook è ormai diventato un tassello fondamentale per il successo di un’azienda. Prima erano sufficienti l’idea, gli oggetti la qualità e il prezzo…Ora non più. E lo è stato confermato anche al Future of Business Summit che si è tenuto per la prima volta in Italia ad ottobre 2017. La piattaforma è infatti diventata, a tutti gli effetti, la più grande vetrina digitale.

IL SONDAGGIO

E non stiamo esagerando perché le indicazioni della Future of Business Survey – indagine nata nel febbraio 2016 dalla collaborazione tra Facebook, OCSE e Banca Mondiale per avere una panoramica sugli scenari economici attuali e futuri –  certificano come le aziende siano riuscite a incrementare il volume di affari grazie alla presenza sul social network.

Collaborando con il CENSIS, Facebook ha realizzato un focus sulle imprese italiane che, sfruttando le opportunità promozionali offerte dai social network (Facebook Ads), hanno ottenuto più introiti, la possibilità di ampliare l’organico e scovare nuovi clienti altrimenti irraggiungibili, riuscendo in tal modo a internazionalizzare il business.

Nello specifico, il 30% delle imprese attive su Facebook ha assunto più dipendenti grazie alla crescita della domanda registrata dopo lo sbarco sulla piattaforma digitale; il 66% sostiene di aver aumentato le vendite e il 70% di aver trovato nuovi acquirenti.

I VANTAGGI PER LE PMI

Il vantaggio lo notano soprattutto i piccoli imprenditori, in particolar modo coloro che offrono servizi o prodotti di nicchia oppure che hanno deciso di specializzarsi rivolgendosi ad un pubblico specifico.

Per le Pmi Facebook è uno dei più efficaci mezzi per superare i confini nazionali. Tra le aziende esportatrici, il 36% afferma che più di un quarto delle entrate proviene da clienti stranieri; quasi la metà delle imprese sostengono che più del 75% delle loro vendite internazionali dipendono dagli strumenti digitali, che gli imprenditori italiani utilizzano per pubblicizzare l’attività verso potenziali nuovi clienti (78%), mostrare prodotti e servizi (78%), dare informazioni (69%) e comunicare con clienti e fornitori (65%).

Ma in che modo la piattaforma aiuta le piccole aziende? Ce lo spiega Marco Grossi, Senior Manager Facebook Italia e Spagna per le Pmi, con alcuni numeri che chiariscono le dimensioni del fenomeno:

“L’87% degli italiani attivi sulla piattaforma ha almeno una connessione con una impresa italiana e 143 milioni di persone nel mondo sono connesse con un’azienda in Italia tramite Facebook”.

I due miliardi di account sono il primo ma non l’unico motivo che spinge le imprese a stare su Facebook, il cui merito è offrire strumenti semplici con cui gli imprenditori possono testare i propri prodotti. È in più, tutte le attività di marketing sono facilmente misurabili.

Vuoi saperne di più su questa incredibile piattaforma? Contattaci per un incontro conoscitivo.

Articolo originale di Wired.it

Siamo tra gli affiliati Ditedi

 

Siamo entrati a far parte della famiglia del Ditedi, ovvero il Distretto delle Tecnologie Digitali di Tavagnacco.

Ditedi è il Cluster ICT della Regione Friuli Venezia Giulia che promuove la cultura digitale ed il network tra oltre 120 aziende digitali ed innovative con lo scopo di renderle sempre più competitive sul mercato nazionale ed internazionale.

Visita la nostra scheda oppure scopri di più sul Ditedi.

 

Indigo Spot da oggi insediata in Factory

Da oggi noi di Indigo Spot siamo insediati in Factory!

Factory Banca Manzano è un propulsore di imprese e professionisti Under-35, nato allo scopo di supportare le giovani realtà friulane a fare impresa.

Lo spazio attualmente ospita: RTView, DesignWeLove, Diario di Udine e diversi architetti. A breve arriveranno anche due professionisti o startup del digitale, provenienti dal Ditedi.

Il progetto Factory coinvolge anche Friuli Innovazione e il Gruppo giovani industriali di Udine.